,

Il Brasile Di Jorge Amado: Teresa Batista stanca di guerra

Il Brasile è una terra magica e misteriosa, che mi ha sempre suscitato molto interesse e molta curiosità. Questo è il secondo romanzo che leggo di Jorge Amado, dopo Dona Flor e i suoi due mariti, che mi aveva conquistato grazie alla maestria del suo autore nell’uso delle parole, nelle descrizioni, nella creazione di situazioni e personaggi magici e irresistibili.
La felicità araba Shady Hamadi, la rivluzione siriana
, ,

La rivoluzione siriana ne La felicità araba

La Siria era sempre stata una punta di diamante del Medio Oriente, per la sua cultura, per le attrazioni, ma è un paese dalla storia politica tormentata. Dopo una breve parentesi repubblicana tra il 1934 e il 1949, iniziano colpi di stato e dittature (la prima, appunto, nel 1949).
,

Una donna di Sibilla Aleramo

È la storia della vita, del percorso spirituale e di emancipazione di una donna agli inizi del secolo scorso. Si tratta di un romanzo fortemente autobiografico ed è considerato uno dei primi romanzi femministi italiani.
Aldous Huxley, il mondo nuovo, romanzo distopico
,

Un must tra i romanzi distopici: Il Mondo Nuovo di Aldous Huxley

Questo libro e il suo autore sono stati per me una scoperta. Confesso che, pur amando molto i romanzi distopici, non avevo mai letto prima qualcosa di Aldous Huxley, e ora dovrò recuperare il tempo perduto.
, ,

TRE SERBI, DUE MUSULMANI E UN LUPO - LUCA LEONE, DANIELE ZANON

Siamo nella primavera del 1992, in una cittadina della Bosnia nord-orientale, Prijedor divenuta poi tristemente famosa per i suoi campi di concentramento e di sterminio.
La Via di Michael Puett recensione
,

La Via - Michael Puett e Christine Gross-Loh

La Via è stato un regalo di una mia cara amica, che mi conosce molto bene e che ho conosciuto all’ università. Il nostro background universitario ci spinge naturalmente verso l’Oriente e in particolar modo verso la nostra amata/odiata Cina.