,

Il Cacciatore di Aquiloni – Khaled Hosseini

Il Cacciatore di Aquiloni è un libro triste, che prende lo stomaco, ma è anche un libro che parla di perdono, espiazione e rinascita. Leggendo queste pagine ci viene sì un colpo allo stomaco in più di un’occasione, ma ci rendiamo anche conto che alcuni sentimenti sono davvero universali e che, forse, alla fine, ci si può perdonare. 
,

Un noir marchigiano e una storia del diciottesimo secolo: scrittori emergenti da scoprire

Due romanzi di scrittori emergenti che meritano attenzione. Un romanzo storico con una giusta dose di suspense e un noir con un investigatore molto particolare.
,

La saga de Il Signore degli Anelli

Alla fine ho compiuto l'impresa: sono riuscita a leggere la saga del signore degli anelli (Lo Hobbit  e i tre libri de Il Signore degli Anelli). Da molto i libri mi occhieggiavano dalla libreria, ma non avevo mai auto il coraggio di affrontarli. Quest'anno ce l'ho fatta grazie a un piccolo gruppo di lettura con altre ragazze, che mi hanno aiutato a non mollare, ed ora sono qui a raccontarvi la mia esperienza con Tolkien.
,

Un Uomo di Oriana Fallaci

Un uomo è un romanzo-biografia-confessione vero, crudo, sfacciato, appassionato. È la storia incredibile di un personaggio fuori dal comune, Alekos Panagulis, eroe della resistenza greca durante la dittatura militare e compagno della Fallaci stessa.
,

Il profumo delle foglie di limone di Clara Sanchez

Il profumo delle foglie di limone pervade, insieme a quello del mare le strade di Alicante in un settembre caldo e semi deserto. È proprio qui, in questa assolata cittadina spagnola che si incontrano le vite di due persone così diverse tra loro che sembra quasi impossibile possano avere qualcosa in comune. Eppure ce l’hanno, hanno ben due cose in comune che rispondo al nome di Karin e Fredrik Christensen.
Resto qui
,

Resto qui di Marzo Balzano

Per molte delle persone che hanno visitato la Val Venosta, il campanile di Curon che svetta in mezzo al lago artificiale è un’attrazione irresistibile, davanti alla quale scattarsi fotografie, senza nemmeno chiedersi cosa ci sia dietro quel lago, quale storia racchiuda quel campanile.